Stemma e logo di Comune di Montale
Comune di Montale - Sito Ufficiale | Via Gramsci 19, 51037 - Montale (PT) - tel. 0573.9521 | 0573.55001 | Indirizzi PEC
Home Page home page
Contattaci contattaci
Eventi della vita eventi della vita
Aree Tematiche aree tematiche
Elenco A-Z elenco A-Z
Rubrica del Comune rubrica del Comune
Ricerca allegati ricerca allegati

Sei in:  home » Eventi » Cinema

News dal mondo

Cinema

Il film scandisce in pianisequenza e densissime inquadrature i tempi di un'attesa: quella di Basri, guardiano delle ferrovie, che da 18 anni aspetta invano notizie del figlio, misteriosamente scomparso durante una manifestazione antigovernativa.
Basri è silenzioso e tenace, solo e indomito: unico scopo della sua esistenza è la ricerca della verità e per questo, ogni 15 del mese, invia una lettera all'ispettore di polizia per chiedere notizie del giovane ribelle.
Qui non siamo però nel Cile di Pinochet e Basri non è come l'Ed Horman interpretato da Jack Lemmon in Missing. Qui la speranza di poter riabbracciare il proprio figlio e il dolore della sua assenza hanno il sapore secco della polvere che si leva dalla ghiaia della strada ferrata, la pesantezza dell'andatura a fine giornata, la solitudine rumorosa dei pensieri di un padre che sopravvive quotidianamente, ma non cede
Attraverso la storia di questo padre, piccolo e irriducibile, stanco ma non fiaccato, l'autore si confronta con un tema sociale e politico forte: la repressione e la scomparsa, nella Turchia degli anni ‘90, di ragazzi accusati di sovversione.
"Sviluppando questa sceneggiatura volevo placare la mia coscienza e trasformare le tragedie degli scomparsi in una pressione collettiva della coscienza" - ha dichiarato Aydin. Il film è caratterizzato, oltre che dalla lentezza programmatica, da una quasi totale assenza di musica affinché nulla spezzi l'attenzione dello spettatore: anche le notizie di cronaca che arrivano dalla radio sono brevi e rare. Il protagonista è un padre, e non una madre, perché - ha detto il regista - un personaggio femminile avrebbe potuto più facilmente suscitare pietà.

Il titolo rimanda propriamente ad una marcescenza, ad una muffa capace di rendere l'aria irrespirabile - che non è mai solo sfondo, ma parte sostanziale di un esordio registico segnato da non comuni capacità di racconto

Ali Aydın, regista e sceneggiature turco, è nato nel 1981 a Istanbul, dove si è laureato in Art Management alla Yildiz Technical University. Ha lavorato come assistente alla regia per diversi film e serie televisive. Küfè il suo lungometraggio d'esordio.

Pagina aggiornata il 14/04/2015 da admin
  • Comune di Montale
  • Via Gramsci 19, 51037 - Montale (PT)
  • Telefono: 0573.9521
  • Fax: 0573.55001
  • Numero di abitanti: 10.758
  • P.IVA: 00378090476
  • Codice Fiscale: 80003370477
  • Codice IBAN: IT93H0626070450000000113C01

Portale Web e Content Management System realizzati da SPAD srl | Openpage CMS