24 marzo 2021

Dantedì - 25 marzo 2021

Dantedì
Il 2021 inoltre è il 700° anniversario della morte di Dante Alighieri.

Il 25 marzo è la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri (Dantedì), padre della lingua italiana, in quanto è il giorno in cui, secondo gli studiosi, il Sommo Poeta inizia il suo viaggio ultraterreno, così come narrato nella Divina Commedia.

Ma il 2021 è un anno speciale per le celebrazioni della figura e dell’opera di Dante, poiché ricorrono i 700 anni dalla sua morte, avvenuta a Ravenna il 14 settembre 1321.

L’Amministrazione comunale di Montale aderisce pertanto alle celebrazioni in onore del Poeta attraverso una serie di iniziative che si svolgeranno sul nostro territorio compatibilmente con l’andamento dell’emergenza sanitari.

Gli appuntamenti

Dell'Arte Contagiosa - Locandina
  • 25 marzo 2021: Dantedì. Pubblicazione sul sito istituzionale e sui social di una bibliografia e una filmografia sulla figura di Dante Alighieri e sulla sua opera letteraria
  • Giugno – Agosto 2021: mostra iconografica Dante e il suo Poema nella storia della pittura (Chiostro Villa Smilea)
  • 7 agosto 2021: pubblica recitazione del XXV Canto dell’Inferno: I ladri fiorentini e le loro metamorfosi (Abbazia di San Salvatore in Agna) Dell’arte Contagiosa. Dante, il suo sogno straordinario di un viaggio nell’aldilà, alla ricerca della salvezza eterna, attraverso la conoscenza dei difetti e dei peccati umani, ma anche della bellezza del creato e della gioia di vivere, della profondità dell’intelletto umano e dell’incomparabile dono della vita: una storia raccontata da un artista, un poeta, un visionario, o forse semplicemente un uomo che amava viaggiare dentro se stesso e dentro l’animo umano, e per farlo ha concepito la Commedia, un libro scritto 700 anni fa, ma oggi più attuale che mai. Tutto questo ritroveremo quest’estate, seguendo il percorso Dell’Arte Contagiosa, un viaggio artistico-teatrale nella vita del grande poeta, attraverso i Canti dell’Inferno raccontati e recitati nelle chiese romaniche e nelle piazze medievali della Toscana a: Mulazzo, Montopoli in val d’Arno, Carmignano, Cerreto Guidi, Radda in Chianti, Montecarlo, Serravalle Pistoiese, San Godenzo, Campi Bisenzio, Vicchio, Pomarance, Scarlino, Civitella in val di Chiana, Civitella Paganico, Castel Focognano, San Quirico d’Orcia, Marciano della Chiana, Pieve a Nievole, Cascina, Vicopisano, Calci, Scarperia e San Piero, Subbiano, Camaiore, Montale, Lucignano, Chianciano Terme, Poppi, Arcidosso, Massarosa, Castel San Niccolò, Chiusi della Verna, Montemurlo, San Marcello Piteglio, Calcinaia.
  • Settembre 2021: letture dalla Divina Commedia a cura di docenti e studenti dell’Istituto Comprensivo di Montale

Bibliografia su Dante in Biblioteca La Smilea

Vetrina Dantedì

La Biblioteca comunale La Smilea ha preparato una bibliografia su Dante, al suo interno volumi di narrativa e saggistica, volumi per bambini, ragazzi e giovani lettori.

Per maggiori informazioni si può contattare la biblioteca al numero 0573-952250 e all'indirizzo e-mail biblioteca@comune.montale.pt.it

Di seguito la versione scaricabile in PDF della bibliografia, suddivisa in adulti e bambini/ragazzi.

Filmografia su Dante

Si può passare un pomeriggio al cinema con Dante Alighieri? Anche più di un pomeriggio, vista la numerosità delle pellicole ispirate alla sua opera.

Troviamo Dante in Fellini, in Pasolini, in molti autori del mondo del cinema, perlomeno a partire dal 1907. Il primo cortometraggio dantesco è stato un film muto, 🔹 Francesca da Rimini, appunto del 1907. Questo film di William V. Ranous (16 minuti, b/n), anticipa di un anno il più celebre 🔹 The two brothers, ispirato dalla tournée newyorkese di Eleonora Duse, che nel 1902 aveva portato sulle scene la Francesca da Rimini di Gabriele d’Annunzio.

Nel 1911, il primo importante lungometraggio su Dante, 🔹L'Inferno, di Giuseppe De Liguoro, Francesco Bertolini e Adolfo Padovan che coinvolse ben 150 protagonisti in un film 71 minuti.

Fu il primo lungometraggio del cinema italiano. La fotografia di Emilio Roncarolo si ispirava direttamente alle illustrazioni di Dorè, e il dispiego di mezzi tecnici utilizzati per raffigurare demoni e peccatori era avveniristico.

In 🔹Amarcord (1973) il sommo poeta fa capolino dietro le spalle della 'tabaccaia', da un poster. Fellini fu esposto a molte richieste affinché realizzasse un film sull'Inferno di Dante, con il suo stile narrativo visionario e surreale. Ma non ci fu un Dante 'felliniano', anche se l'autore è richiamato anche in altre pellicole, tra cui la    🔹Dolce vita.

La tripartizione della Commedia ricorre in 🔹Caro Diario (1993) di Nanni Moretti, un viaggio di purificazione tra la periferia cittadina e le isole Eolie. La Sicilia in Dante assume un profilo linguistico nel XII capitolo del De Vulgari Eloquentia: «Il volgare siciliano si attribuisce fama superiore a tutti gli altri per queste ragioni: che tutto quanto gli Italiani producono in fatto di poesia si chiama siciliano; e che troviamo che molti maestri nativi dell'isola hanno cantato con solennità

Altri collegamenti più geografici, come quello tra 🔹Deserto rosso (1964) di Antonioni e la Commedia, a Ravenna. I protagonisti della storia di Antonioni agiscono qui in una deserta Via Alighieri, dove sembrano andare in cerca di una sorta di 'innocenza' prima del peccato.

Dante è citato da Pasolini con la morte di Bonconte, dal V canto del Purgatorio, epigrafe in apertura di 🔹Accattone (1961): «Tu te ne porti di costui l’etterno / per una lacrimetta che ‘l mi toglie…» che era il principio di un progetto poi incompiuto, una trasposizione di Dante nella 'Divina Mimesis'.

Dante è ancora con il IV dell'Inferno in 🔹Mamma Roma (1962) e, ironicamente, si richiama il fantomatico primo congresso dei "dantisti dentisti" in 🔹Uccellacci e Uccellini (1966).

Troviamo una citazione dantesca nel film 🔹Seven di David Fincher (1995), dove un assassino seriale punisce i peccatori dei sette peccati capitali che Dante enuncia nel Purgatorio. Il regista della pellicola, David Fincher, mette in mano all'assassino una copia della Divina Commedia. 

(fonte: ladante.it).

Altri film in cui sono presenti riferimenti, citazioni o trasposizioni della Divina Commedia e dei suoi personaggi:

🔹  COCO di Lee Unkrich, Adrian Molina (2017), disponibile in dvd presso le biblioteche della rete REDOP, a pagamento 

https://play.google.com/store/movies/details?id=uOoYuzTfghA

🔹  INFERNO di Ron Howard (2016), disponibile in dvd presso le biblioteche della rete REDOP, a pagamento 

https://play.google.com/store/movies/details?id=EwhN8Tv-sk4

🔹  LA SOLITA COMMEDIA di Fabrizio Biggio (2015), a pagamento 

https://play.google.com/store/movies/details?id=DKgdg8qwwTc

🔹  AL DI LA' DEI SOGNI di Vincent Ward (1998), a pagamento 

https://play.google.com/store/movies/details?id=2SgVJvPydsc

🔹  SEVEN di David Fincher (1995), disponibile in dvd presso le biblioteche della rete REDOP, a pagamento 

https://it.chili.com/content/seven-1995/2418ba86-b318-4c33-bc75-931992b34590

🔹  LA DIVINA COMMEDIA di Manoel De Oliveira (1991), a pagamento 

https://it.fulltv.tv/a-divina-comedia.html

🔹  VITA DI DANTE di Vittorio Cottofavi (1965), grauitito 

https://www.youtube.com/watch?v=5mA89fNsIF0

🔹  47 MORTO CHE PARLA di Carlo Ludovico Bragaglia (1950), gratuito 

https://www.facebook.com/watch/?v=972023172959747

🔹  MACISTE ALL'INFERNO di Guido Brignone (1926), gratuito 

https://www.youtube.com/watch?v=gE54vJrvux8

🔹  LA VITA DI DANTE o DANTE E BEATRICE di Mario Caserini (1913), gratuito 

https://www.youtube.com/watch?v=pL1-D_bSPmE

🔹  L'INFERNO di Giuseppe De Liguoro (1911)gratuito 

https://www.youtube.com/watch?v=QfJEsNemD-k

🔹  Inoltre su Raiplay.it potrete vedere gratuitamente, recentissimi documentari, letture, concerti, balletti, su Dante e la Divina Commedia.

Portali eventi su Dante in Toscana e non solo

torna all'inizio del contenuto